Coronavirus: don Gioacchino Basile il terzo presbitero morto oltreoceano

Il presbitero originario di Reggio Calabria è deceduto a New York a causa del coronavirus. È il terzo presbitero deceduto a causa del coronavirus oltreoceano dopo i primi due dei giorni scorsi.

Don Gioacchino Basile aveva 60 anni e prestava servizio nella parrocchia di San Gabriele dell’Addolorata nella diocesi di Brooklyn.

Entrato nel Cammino Neocatecumenale nel 1986 ha scoperto la chiamata al presbiterato. Due anni dopo, nel 1988, si recò nel New Jersey dove entrò in Seminario. Fu ordinato sacerdote il 27 maggio 1995 e, due mesi dopo, fu nominato parroco nella città di Penuelas in Porto Rico. Dopo circa 10 anni fu trasferito nella città di New York presso la parrocchia di San Gabriele dell’Addolorata nella diocesi di Brooklyn.

Il messaggio del fratello

Vi prego di pregare per il riposo dell’anima del mio fratello prete Fr. Gioacchino Basile. Ha contratto il virus Covid-19 ed è passato al Padre alle 4:09 di questa mattina a Brooklyn, dove era pastore a St. Quella di Gabriel.
Siamo venuti in questo paese insieme e eravamo seminariani insieme.
Era una persona meravigliosa e un santo sacerdote.

Le migliori notizie per te

Ricevi le notizie importanti via email. Lascia il tuo indirizzo

Sono consapevole che le email sono gestite con MailChimp ( more information )

La tua privacy è importante: non diffonderemo mai il tuo indirizzo email. In ogni momento potrai annullare l'iscrizione

Giovanni Nocera

Ho pensato e curo personalmente Shema.it dal 2018, per raccogliere e raccontare notizie sulla nuova evangelizzazione promossa dal Cammino Neocatecumenale.

Sono sposato e padre di tre bambini. Nato ad Agrigento, vivo a Roma da più della metà della mia vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.